Al momento stai visualizzando Marca e Marchio: tutto quello che devi sapere
Concetti simili, ma profondamente differenti

Marca e Marchio: tutto quello che devi sapere

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

Nel linguaggio comune i concetti di marca e marchio si sovrappongono e anche l’origine della parola brand (per approfondimenti clicca qui) contribuisce a rafforzare questa credenza. Essi, dunque, sono realmente sinonimi? La risposta è da rintracciare nel significato di entrambi i termini in lingua anglosassone: trademark (marchio) e brand (marca) sono infatti parole diverse,  appartenenti a spazi semantici differenti.   Mentre il marchio è una sorta di contenitore senza alcuno spessore e dinamicità, ka marca è ricca di significati simbolici.

Marca e Marchio
Cubi di loghi…. dentro i cubi c’è la marca!!

Un po’ di definizioni

Per comprenderne meglio il significato, Laura Minestroni ne “Il manuale della marca” per spiegare questa differenza tra marchio e marca, fa riferimento alla distinzione tra lingua e parola elaborata da Ferdinand De Saussurre: “Il marchio, come la lingua, è fonazione e significante: è forma. La marca, come la parola, è senso e significato: è sostanza.” In riferimento a ciò, il marchio può essere considerato semanticamente più vicino al concetto di logo, quindi rappresenta gli aspetti grafici e legali dell’azienda, mentre il concetto di marca racchiude tutti i contenuti valoriali e identitari della stessa: in un certo senso, essa è l’anima dell’organizzazione.

Il marchio è il contenitore, la marca è il contenuto

Dunque, i due concetti non sono affatto sinonimi, ma sono profondamente  legati: il marchio è ciò che attribuisce un significato (significante)  e permette al consumatore di distinguere le diverse aziende; la marca è il significato attribuito e contenuto nel marchio e  valore aggiunto. Tale valore può riguardare sia aspetti più funzionali, sia aspetti più emotivi e relazionali o un mix di entrambi. Quindi, la marca con il suo valore aggiunto e il marchio che li contiene non solo plasmano l’immagine e l’identità aziendale alla base delle percezioni dei consumatori, ma contribuiscono a generare qualcosa di più della loro semplice somma: un brand che non è solo un logo o un prodotto, ma un brand che si concretizza in una serie di mondi possibili in continua evoluzione.

Bibliografia

Minestroni, L. (2010). Il manuale della marca. Consumatore, cultura, società. Bologna: Fausto Lupetti.

De Saussurre, F. (1970). Corso di linguistica generale. Bari: Laterzi Editore.